home page  
         


::Contenuti: Vegetariani per restare in forma

I vegetariani ingrassano meno. A dare la notizia sono gli scienziati del Cancer Research UK che hanno comparato l’aumento di peso di 22.000 persone lungo un periodo di circa cinque anni. Tra questi 22.000 c’erano onnivori e diverse tipologie di vegetariani.

Il team di ricerca, guidato da Tim Key della Oxford University, ha studiato le abitudini alimentari del campione, reclutato tra il 1994 e il 1999 dall’European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition.
Ogni partecipante ha risposto ad un questionario riguardante le proprie abitudini alimentari e il proprio stile di vita, è stato visitato e pesato. Per circa cinque anni ognuno è stato seguito regolarmente e alla fine è risultato che tutti erano aumentati di circa due chilogrammi.

Chi aveva modificato la propria dieta con una più povera in proteine animali, era però aumentato di circa mezzo chilo di meno rispetto a chi aveva mantenuto le iniziali abitudini alimentari.
Secondo Colin Waine, presidente del National Obesity Forum, i vegetariani aumentano meno di peso perché seguono una dieta più bilanciata e meno ricca di grassi saturi.

È bene sottolineare che tra quelli che hanno guadagnato più peso sono anche quelli con le abitudini più sedentarie. “Qualsiasi dieta si segua, se le calorie assunte superano quelle bruciate si aumenta di peso. Seguire una dieta bilanciata e fare un po’ di esercizio fisico è il modo migliore di perdere peso”.

Non è, infatti, la dieta vegetariana in sé la migliore delle soluzioni. Come ricorda Ursula Arens della British Dietetic Association, anche cioccolato e patatine a ogni pasto rappresentano una dieta vegetariana, ma di certo non aiutano a perdere peso. Insomma basta un po’ di buon senso e un po’ di sport per non rinunciare ad una buona fiorentina o ad un succulento pollo arrosto.

 

 A cura de Il Pensiero Scientifico Editore


::Consigli::


::::