home page  
         


::Contenuti: Cibi da evitare nelle diete



Questi i cibi da evitare nella dieta:
alcolici. mettono sotto stress il fegato. consentito solo un bicchiere di vino rosso genuino a sera.
Caffè. intossica il fegato, rende nervosi. se siete dipendenti da caffè la mancanza vi butterà a terra e vi farà venire mal di testa. cercate almeno di ridurre la dose.
Cibi conservati e in scatola. non sono freschi e contengono additivi. Fatene a meno e preferite eventualmente i surgelati.(ma non i precucinati).
dolci e zucchero. fanno ingrassare, sottraggono all'organismo preziose vitamine del gruppo b, creano dipendenza. C'è n'è abbastanza per eliminarli. non ce la fate? consentiti un paio di cioccolatini al giorno.
Sale. Irrigidisce le arterie e aumenta la ritenzione idrica. da ridurre al minimo. evitate anche i salumi
La notizia. Da che pulpito viene la predica. Negli Stati Uniti, il paese dove l’incidenza dell’obesità sta assumendo le proporzioni di un’epidemia, è uscito il libro “Supercibi: 14 alimenti che vi cambieranno la vita”, una sorta di vademecum per un’alimentazione in grado di garantire una vita lunga e sana. Se si parte prevenuti davanti ad un libro su consigli alimentari di provenienza statunitense, da cui in passato sono giunte indicazioni dietetiche miracolose ma niente affatto sane, durante la lettura si può trarre un sospiro di sollievo: effettivamente si tratta di alimenti sani, ricchi di importanti proprietà nutritive e di facile reperibilità.
 

Nella dieta l'elisir di lunga vita:
Approfondimento. In Italia si può stare tranquilli: chi segue la dieta mediterranea non dovrà stravolgere troppo le proprie abitudini alimentari. Si comincia con fagioli, broccoli, spinaci e pomodori, legumi e verdura, notoriamente ricchi di fibre, proteine e sali minerali di fondamentale importanza per il corretto funzionamento dell’organismo. A questi si associa la zucca, il cui consumo nel nostro paese è un po’ in calo rispetto al passato ma che dovrebbe essere rivalutata perchè ipocalorica e ad alto contenuto in vitamina A e potassio, indispensabili per la prevenzione dei tumori e per il corretto mantenimento del bilancio idrico di tutte le mucose. E poi la frutta: non più una mela al giorno, ma mirtilli e arance tolgono il medico di torno, grazie ad un alto contenuto in vitamina A e C. Per la carne è meglio orientarsi verso quella bianca, meno ricca di grassi di quella rossa e per questo meno calorica e meno carica di colesterolo. Importante poi è il pesce, ma il consiglio di consumare soprattutto salmone non pare del tutto giustificato: se è vero che è tra quelli particolarmente ricchi di acidi grassi omega 3, importanti sostanze in grado di svolgere un’azione antiossidante e quindi rallentare i processi d’invecchiamento, è anche vero che se ne conoscono altri con un pari prezioso contenuto e sicuramente meno calorici. Tra i cereali è preferita l’avena e anche questa è una scelta un po' enigmatica perchè ci sono cereali con le stesse proprietà nutritive ma di ben più largo consumo, sia da noi che negli Stati Uniti. A questo menù fanno da contorno le noci, anch’esse particolarmente ricche di omega 3, lo yogurt, panacea di tutti i mali nel passato ma ora più correttamente ridimensionato ad alimento ricco di fermenti lattici, e il tè, nelle due varietà verde e nero, cui sono attribuite proprietà antiossidanti in grado di agire come fattore protettivo nei confronti di molti tumori.

Commenti. Secondo l’autore, per ottenere il migliore risultato bisogna consumare questi alimenti almeno quattro volte alla settimana. In questo modo sarà mantenuta la linea, verrà bloccato l’avanzamento delle rughe e insieme alla salute, saranno garantiti quel benessere fisico e quell’energia che ci fanno sentire anche più belli. E se lo dice uno dei più noti chirurghi plastici americani c’è da fidarsi. Ma quello che deve rimanere dalla lettura del libro non sono rigide imposizioni dietetiche che ci faranno scegliere il tacchino piuttosto che il pollo, gli spinaci al posto della cicoria o i mirtilli invece dei lamponi; quello che deve emergere è un’indicazione di massima sul valore di una dieta sana , spesso non considerata come l’arma di ordinanza per mantenersi in salute e combattere molte malattie. A cui peraltro non bisogna mai dimenticare di aggiungere almeno mezz’ora di movimento ogni giorno.

 

 


::Consigli::


::::