home page  
         


::Contenuti: Proteine e Diete iperproteiche

UN PRINCIPIO FONDAMENTALE PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE è ALTERNARE LE PROTEINE CHE DEVONO PROVENIRE DALLE VARIE FONTI: CARNE, PESCE, LEGUMI, CEREALI, UOVA, FORMAGGI.
NELL'ARCO DELLA SETTIMANA, CONSIDERANDO PRANZO E CENA, UNA CORRETTA DISTRIBUZIONE DI FONTI PROTEICHE POTREBBE ESSERE LA SEGUENTE: TRE- QUATTRO VOLTE CARNE ALTERNANDO LA ROSSA E LA BIANCA, 3-4 VOLTE PESCE, 3-4 VOLTE LEGUMI, 2 VOLTE FORMAGGI, 2 VOLTE UOVA.

Diete iperproteiche, ecco come funzionano


Svelato finalmente il segreto della cosiddetta Dieta Atkins: una dieta ad elevato contenuto proteico favorisce il rilascio di un ormone in grado di sopprimere il senso di fame, aiutando i pazienti a dimagrire. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Cell Metabolism.

I ricercatori dell’University College di Londra coordinati da Rachel Batterham hanno alimentato topi di laboratorio con una dieta ad elevato contenuto proteico, e verificato che questo ha causato un significativo aumento dei livelli di una proteina denominata peptide YY (PYY), che è stato dimostrato avere un ruolo essenziale nel controllo del senso di fame a livello cerebrale.



“Questa scoperta ci conferma la teoria che mangiare più proteine può aiutare a perdere peso”, spiega Rachel Batterham. “Le persone che seguono la cosiddetta Dieta Atkins sentono meno la fame, ecco come funziona. Ma questo non vuol dire che seguire una dieta iperproteica sia una buona idea: nessun medico sano di mente vi dirà che è un bene ingerire tutti quei grassi saturi di origine animale e così pochi carboidrati”.



Una dieta ricca di proteine e povera di carboidrati causa una condizione nota come chetosi, nella quale il fegato, deprivato del glicogeno proveniente dai carboidrati, entra in uno ‘stato d’emergenza’ e inizia a metabolizzare i composti grassi. “Il problema è che questo causa gravi malesseri”, conclude la Batterham.
 


::Consigli::


::::